Crea sito

LEZIONE 21: I MESTIERI

I sostantivi tedeschi che si riferiscono a mestieri e professioni sono elencati nel paragrafo sottostante tutti al MASCHILE, tranne quelli che si riferiscono a mestieri unicamente femminili (Krankenschwester, Prinzessin, ecc.).

Per sapere come formare il femminile dei mestieri al maschile, guardare il fondo alla lezione.

Accanto a ciascun vocabolo è presente il suo PLURALE.

Le parole bisillabiche hanno tutte l'accento sulla PRIMA sillaba, altrimenti verrà segnalato.

I vocaboli maschili che fanno parte della declinazione debole tedesca sono sottolineati.

Die ARBEIT, -EN = lavoro  

An die Arbeit! = al lavoro!

Zur (= zu der) Arbeit gehen = andare al lavoro

Das WERK, -E = lavoro (nel senso di "opera, creazione" e anche "fatica")

Magst du unser Werk? = Ti piace il nostro lavoro?

Der BERUF, -E = mestiere, professione (l'accento è sulla U)

In tedesco la professione si può chiedere in 3 modi diversi:

Was sind Sie/ bist du von Beruf ? = che lavoro fa/ fai?

Was machen Sie/ machst du von Beruf? = che lavoro fa/ fai?

Was machen Sie/ machst du beruflich? = che lavoro fa/ fai? (lett. cosa fa/fai professionalmente?)

Der URLAUB, -E = ferie

Ich bin im ( = in dem) Urlaub = sono in ferie

In Urlaub gehen = andare in ferie

REGOLE PER LA FORMAZIONE DEI SOSTANTIVI CHE SI RIFERISCONO A MESTIERI:

1) La maggior parte dei nomi di mestiere in tedesco si forma dalla radice di un VERBO (infinito senza - EN o -N) aggiungendo la desinenza -ER:

ESEMPI:

Der LEHRER = insegnante    →   dal verbo LEHREN = insegnare

Der SCHNEIDER = sarto    → dal verbo SCHNEIDEN = tagliare (IRREGOLARE)

Der BÄCKER = panettiere, fornaio  →  dal verbo BACKEN = cuocere al forno (IRREGOLARE)

Der SÄNGER = cantante  → dal verbo SINGEN = cantare   (IRREGOLARE)

Der TÄNZER = ballerino → dal verbo TANZEN = ballare

Der BAUER = contadino → dal verbo BAUEN = costruire

Der JÄGER = cacciatore  → dal verbo JAGEN = cacciare

Der FISCHER = pescatore  → dal verbo FISCHEN = pescare

Der DICHTER = poeta → dal verbo DICHTEN = scrivere, comporre

Der SCHRIFTSTELLER = scrittore   → da die SCHRIFT, -EN = scritto, opera letteraria, scrittura + verbo STELLEN = porre); l'accento è sulla I

Der MALER = pittore  → dal verbo MALEN = dipingere

Der RICHTER = giudice → dal verbo RICHTEN = giudicare

Der SPIELER = giocatore → dal verbo SPIELEN = giocare, suonare

Il nome dello sport praticato precede "Spieler" (in queste parole l'accento cade sempre sulla prima sillaba).

ESEMPI:

Der FOOTBALLSPIELER/ FUßBALL = il giocatore di calcio

Der TENNISSPIELER = il giocatore di tennis

Da questo verbo (SPIELEN) deriva anche:

Der SCHAUSPIELER = attore   (die SCHAU, -EN = spettacolo; SCHAUEN = guardare)

Dal verbo HAUEN = spaccare (può avere sia una coniugazione REGOLARE che IRREGOLARE), derivano invece (anche queste parole hanno l'accento sulla prima sillaba):

Der BILDHAUER = scultore       (das BILD, -ER = quadro, scena)

Der HOLZHAUER = taglialegna      (das HOLZ, HÖLZER = legno)

Dal verbo VERKAUFEN = vendere (l'accento è sulla AU) deriva:

Der VERKÄUFER = commesso, venditore  (l'accento è sul dittongo ÄU)

Da cui deriva a sua volta (l'accento è sempre su ÄU):

Der TABAKWARENVERKÄUFER = tabaccaio  (der TABAK, -E = tabacco; die WARE, -N = merce)

Dal verbo HANDELN = commerciare deriva:

Der HÄNDLER = mercante

Da cui derivano a loro volta numerosi vocaboli (l'accento è sempre sulla Ä):

Der SCHREIBWARENHÄNDLER = cartolaio → da SCHREIBEN = scrivere (verbo IRREGOLARE)

Der BUCHHÄNDLER = libraio  (das BUCH, BÜCHER = libro)

Der GEMÜSEHÄNDLER = ortolano  (das GEMÜSE, - = verdura, con l'accento sulla Üdie HANDLUNG, -EN = negozio, con l'accento sulla A)

Der OBSTHÄNDLER = fruttivendolo (das OBST = frutta)

Der BLUMENHÄNDLER = fioraio (die BLUME, -N = fiore)

Der ZEITUNGSHÄNDLER = giornalaio (die ZEITUNG, -EN = giornale)

Der UHRENHÄNDLER = orologiaio (colui che vende gli orologi)  (die UHR = orologio)

Mentre si dice:

Der UHRMACHER = orologiaio (colui che fabbrica gli orologi)  → dal verbo MACHEN = fare, costruire; l'accento è sulla U

Dallo stesso verbo deriva:

Der SCHUHMACHER = calzolaio  (der SCHUH = scarpa); (l'accento è sulla U)

Tutti i verbi presentati sono REGOLARI tranne quelli segnalati.

Tutti i sostantivi terminanti per -ER hanno il plurale UGUALE al singolare.

Fa eccezione:

- R BAUER, BAUERN = contadino

che appartiene alla declinazione debole:

des Bauern = del contadino

dem Bauern = al contadino

Vocaboli:

die SCHNEIDE, -N = lama

die BÄCKEREI, -EN = panetteria   (l'accento è sulla Ä)

das LIED, - ER = canzone

der TANZ, TÄNZER = ballo, danza

der BAUERNHOF, -HÖFE = fattoria  (l'accento è sulla prima A)

die JAGD, -EN = caccia

der FISCH, -E = pesce

das GEDICHT, -E = poesia   (l'accento è sulla I)

das SPIEL, - E = gioco

das TABAKWARENGESCHÄFT, -E = tabaccheria  (l'accento è sulla Ä)

2) Altri mestieri, invece, prendono il nome da un sostantivo aggiungendo sempre -ER:       

Der APOTHEKER = farmacista   → die APOTHEKE, -N = farmacia   (l'accento è sempre sulla prima E)

Der MUSIKER = musicista (l'accento è sulla U)  → die MUSIK, -EN= musica  (l'accento è sulla I)

Der METZGER = macellaio

Der TISCHLER = falegname  → der TISCH, -E = tavolo

Der JUWELIER = gioielliere (l'accento è sulla I) →  das JUWEL, -EN = gioiello  ('accento è sulla E)

Tutti questi vocaboli hanno il plurale uguale al singolare tranne:

JUWELIER, -E = gioielliere

Altri vocaboli:

die METZEGEREI, EN= macelleria  (l'accento è sulla prima E)

das JUWELIERGESCHÄFT, -E = gioielleria  (l'accento è sulla I)

3) Alcuni nomi di mestiere derivano da parole straniere:

Der KONDITOR, -EN = pasticciere   (l'accento è sulla seconda O)

Der REGISSEUR, E = regista  (si pronuncia alla francese)

Der KOMPONIST, -EN = compositore   (l'accento è sulla I)

Der FRISEUR, E = parrucchiere (si pronuncia alla francese)

Der BARMANN, -MÄNNER = barista  (si pronuncia all'inglese)

Der MODEDESIGNER, // = stilista  (si pronuncia all'inglese, ma la prima E si pronuncia)

Der CHAUFFEUR, // = autista di mezzo privato (si pronuncia alla francese)

(Esiste però anche Der FAHRER che è l' autista di mezzo pubblico, e deriva dal verbo fahren = andare con un mezzo di trasporto).

Der CHIRURG, EN = chirurgo (si pronuncia alla francese)

Der ARCHITEKT, -EN = architetto  (si pronuncia alla francese)

Der INGENIEUR, E = ingegnere (si pronuncia alla francese)

Der SEKRETÄR, E = segretario  (si pronuncia alla francese)

Der JOURNALIST, -EN = giornalista  (si pronuncia alla francese)

Der SOLDAT, -EN = soldato     (l'accento è sulla A)   

Altri vocaboli:

die KONDITOREI, -EN = pasticceria  (l'accento è sul dittongo EI)

die POLIZEI, -EN = polizia (l'accento è sul dittongo EI)

4) Altri nomi di mestiere ancora, non appartengono a nessuna delle regole spiegate:

Der (RECHTS)ANWALT, -WÄLTE = avvocato  (das RECHT, E = diritto); l'accento è sulla seconda A 

Der ARZT, ÄRZTE = medico

Der ZAHNARZT, -ÄRZTE = dentista   (die ZAHN = dente); l'accento è sulla prima A

Der TIERARZT, - ÄRZTE = veterinario  (das TIER, E = animale); (l'accento è sul dittongo EI)

Die KRANKENSCHWESTER, // = infermiera  (letteralmente: SORELLA DEL MALATO); l'accento è sulla A

[Il maschile è Der KRANKENPFLEGER, // = infermiere uomo (letteralmente: CURATORE DEL MALATO); l'accento è sulla A]  

Der MATROSE, N = marinaio   (l'accento è sulla O)     

Der SCHMIED, -E = fabbro

Der GOLDSCHMIED, E = orefice

Der HIRT, -EN = pastore

Der MILCHMANN, -MÄNNER  = il lattaio (die Milch = latte + der Mann = uomo); l'accento è sulla I

Der KOCH, KÖCHE = cuoco

Der KELLNER, // = cameriere

Der PFÖRTNER, // = portiere

Vocaboli:

ZUBEREITEN = cucinare, preparare → BEREIT = pronto  (l'accento è sempre sul dittongo EI)

KOCHEN = cucinare, cuocere, bollire

BACKEN = cuocere al forno (IRREGOLARE)

BRATEN = friggere (IRREGOLARE)

Mestieri particolari

Der PRÄSIDENT, -EN = presidente   (l'accento è sulla E)

Der MINISTER, // = ministro   (l'accento è sulla seconda I)

Der BÜRGERMEISTER, // = sindaco  (l'accento è sul dittongo EI)

Der KAISER, // = imperatore

Die KAISERIN, -INNEN = imperatrice  (l'accento è su AI)

Der KÖNIG, E = re

Die KÖNIGIN, -INNEN = regina   (l'accento è sulla Ö)

Der PRINZ, -EN = principe   

Die PRINZESSIN, -INNEN = principessa   (l'accento è sulla E)

Der HERZOG, HERZÖGE = duca

Der GRAF, -EN = conte      

Der PRIESTER, // = prete

Der BISCHOF, BISCHÖFE = vescovo

Der PAPST, PÄPSTE = Papa

Aggiunta

Coi nomi di mestiere, in tedesco, non si usa l'articolo indeterminativo dopo la COPULA.

Esempio:

Ich bin Lehrer = Sono un insegnante

Non è del tutto sbagliato, ma è meno utilizzato nella lingua parlata, dire Ich bin ein Lehrer.

I negozi

Come è stato possibile notare nel corso di questa lezione, in tedesco ci sono 3 diversi modi per dire "NEGOZIO":

1) Das GESCHÄFT, -E → da SCHAFFEN = fare, creare

Esempi:

- S Juweliergeschäft = gioielleria

- S Tabakwarengeschäft = tabaccheria

Das GESCHÄFT significa "negozio" in generale. Poi c'è:

2) Die HANDLUNG, - EN

HANDLUNG significa "impresa, azione, azienda".  I nomi di negozi che terminano con questa parola sono quelli derivati da mestieri che finiscono con händler:

Esempi:

Die Schreibwarenhandlung = cartoleria

Die Buchhandlung = libreria

e così via.

3) Altri nomi di negozi, però, non rientrano nelle due categorie precedenti, e possono derivare dal nome del mestiere relativo terminando con -EI o con -E.

Esempi:

Die Bäckerei = panetteria

Die Metzgerei = macelleria

Die Konditorei = pasticceria

Die Apotheke = farmacia

Il femminile

Il femminile, in tedesco, si forma in maniera molto semplice: aggiungendo sempre -IN al maschile.

Lehrer → Lehrerin

Herzog → Herzogin

Tänzer → Tänzerin

Solo poche parole fanno eccezione:

Prinz → Prinzessin

Quando nella forma maschile c'è una A come ultima vocale, spesso questa diventa Ä prima di aggiungere il suffisso IN:

Papst → Päpstin

Anwalt → Anwältin

Arzt → Ärztin 

Ma non è sempre così:

Soldat → Soldatin

Il plurale dei femminili terminanti in -IN è sempre la desinenza -INNEN.