Crea sito

LEZIONE 1A: ALFABETO E PRONUNCIA

L'alfabeto tedesco (DAS ALPHABET) è composto da 26 lettere. Queste sono presentate qui di seguito con accanto la pronuncia italiana e il loro nome scritto in tedesco.

                        Pronuncia italiana           Nome in tedesco

A                               a                                          a
B                              be                                        be
C                             tse                                        ce
D                             de                                         de
E                              e                                           e
F                              ef                                          ef
                           ghe                                        ge
H                             ha                                          ha
I                                i                                            i
                             iòt                                          jot
                            ka                                          ka
L                              el                                          el
M                            em                                         em
N                             en                                          en
O                             o                                             o
P                             pe                                           pe
Q                            qu                                           qu
R                             éar                                          er
                            es                                            ess 
T                             te                                             te
U                             u                                              u
V                             fau                                          vau
W                            ve                                            we
X                             ics                                            ix
Y                             iùpsilon                                ypsilon
Z                             tset                                          zett

A queste lettere se ne aggiunge un'ultima: ß (scharfes ess), che rappresenta una doppia S. Informazioni sull'uso di questa lettera sono presenti alla lezione 1B: ORTOGRAFIA TEDESCA.

Pronuncia delle consonanti

Le consonanti tedesche si pronunciano come in italiano, tranne:

- C

Quando seguita da E o I si pronuncia come una Z, cioè con il suono "ts":

                                            ES. Cicero  (PRON. Zìzero)           TRADUZ. Cicerone

Altrimenti, quando seguita da A, O e U oppure una CONSONANTE, si pronuncia come una "K".

                                           ES.   Café (PRON. Kafé)                 TRADUZ. Caffè (nel senso di locale)             

- D e T 

Si pronunciano con un suono più dentale rispetto all'italiano, e cioè come in inglese, anche se in maniera assai meno pronunciata che in questa lingua. Secondo alcuni accenti, si pronunciano tali e quali all'italiano.

- G 

Si pronuncia sempre con un suono gutturale come nell'italiano "gatto", anche quando seguita da E ed I oppure quando finale di parola:

                                    ES. Genau (PRON. Ghenàu)         TRADUZ. Esatto

                                 ES. Genug (PRON. Ghenùg)         TRADUZ. Abbastanza (avv.)

- H 

Quando iniziale di parola, è sempre ASPIRATA. All'interno di una parola, invece, è di solito MUTA.

                              ES. Herz    TRADUZ. cuore    (la h è aspirata)

                              ES. Gehen   TRADUZ. andare  (la h è muta)

L' H all'interno di una parola si aspira se la parola è formata da due (o più) vocaboli e uno di loro inizia per H aspirata:

ES. Freiheit  TRADUZ. libertà   (formata da FREI + HEIT→ la h è aspirata)

ES. Osterhase TRADUZ. coniglio pasquale   (formata da OSTER + HASE → la h è aspirata)

- J 

Si pronuncia come una I.

                               ES.       Januar  (PRON. Iànuar)             TRADUZ. Gennaio

- Q 

QU si pronuncia "QV".

                                  ES.   Qualle (PRON. Qvàlle)                  TRADUZ. Medusa

- R 

Si pronuncia come una R moscia. Tuttavia, è molto meno marcata che in francese.

Quando segue una vocale (tranne la A), si pronuncia AR:

ES. Fernseher (PRON. Féarnsear)            TRAD. Televisore

                                                 ES. Pfirsich (PRON. Fìarsish)                     TRAD. Pesca (frutto)

Questa regola è seguita anche nelle parole monosillabiche:

                                   ES.   Dir  (PRON. Dìar)                TRADUZ. A te

                                    ES.   Nur    (PRON: Nùar)           TRADUZ. Solamente

                                    ES.    Er  (PRON. Éar)                 TRADUZ. Egli 

                                    ES.    Der (PRON. Déar)              TRADUZ. Il/lo

Se però ER è finale di una parola non monosillabica, al posto di "EAR" si pronuncia "AR":

                              ES.    Händler   (PRON. Hèndlar)               TRADUZ. Commerciante

                              ES.      Feuer      (PRON. Fòiar)                   TRADUZ. Fuoco

- S

Davanti ad una vocale, si pronuncia SEMPRE come la "s dolce" dell'italiano "rosa", cioè simile alla "Z" inglese (simbolo fonetico: [z]). Questo vale anche per la S+ vocale iniziale di parola.

                                      ES.  Super   (PRON. [z]ùpar)

Invece, davanti a una consonante o quando finale di parola, si pronuncia S sorda come nell'italiano   "sasso" (simbolo fonetico: [s]):

                                       ES.  Das  (PRON. Da[s])              TRADUZ. Il/ lo

                                       ES. Westen  (PRON. Vè[s]ten)          TRADUZ. Ovest

Ma...

In S + consonante iniziali di parola, la S si pronuncia sempre SC come nell'italiano "sciarpa" o come nell' SH inglese:

                           ES. Stark  (PRON. Shtark)            TRADUZ. Forte    

                           ES. Sprechen (PRON. Shprèscien)       TRADUZ. Parlare

Esiste a questo proposito una cosa interessante da notare: si prenda come esempio il verbo STEHEN (stare in piedi), che, essendo un verbo con S + consonante iniziali di parola, si pronuncia Shtéen (col suono "SC" come nell'inglese "SHINE").

Questo verbo dà origine a molti composti come:

VERSTEHEN = capire

In quest'ultimo verbo è presente S + consonante all'interno della parola, e non come iniziale. Quindi la S andrebbe pronunciata S sorda, come abbiamo detto. Invece, si pronuncia come l' "SH" inglese perché il verbo è derivato da STEHEN, e quindi ne conserva la pronuncia: Fershteéen.

Questa regola vale per tutti i verbi e per tutte le parole che derivano da altri verbi o altre parole che iniziano per S + consonante.

- V 

Si pronuncia "F" nelle parole di origine tedesca.

                                ES.   Vogel (PRON. Fògel )            TRADUZ. Uccello

Si pronuncia però come una "V" nelle parole di origine straniera.

ES. Vase (PRON. Vàse)    TRADUZ. Vaso

- W 

Si pronuncia "V" come in italiano.

                          ES. Krankenwagen  (PRON. Krankenvàghen)   TRADUZ. Ambulanza

- Y 

Normalmente si pronuncia "IU", ma si pronuncia "I" quando preceduta da una vocale:

                                  ES. Physik  (PRON. Fiusìk)        TRADUZ. Fisica                       

                                         Bayern  (PRON. Bàyern)       TRADUZ: Baviera

- Z 

Si pronuncia SEMPRE molto "tagliente". Quindi, attenzione a non sbagliarsi! Non si pronuncia come nell'italiano "zanzara" (simbolo fonetico: [dz]) ma come nell'italiano "tazza" (simbolo fonetico: [ts]):

                                                 ES. Mozart  (PRON. Mò[ts]art)

Oltre alle regole appena spiegate, ve ne sono poi ancora altre, molto importanti, sulla pronuncia delle consonanti in tedesco:

1) Alcune consonanti cambiano suono quando FINALI DI PAROLA. Sono la B e la D:

    B si pronuncia P

                               ES.        Kalb (PRON. Kalp)          TRADUZ. Vitello

    D si pronuncia T

    ES.            Und  (PRON. Unt)               TRADUZ. E (congiunz.)

2) Nei NUMERI che finiscono per "IG", la G si pronuncia con un suono tra la "SC" dell'italiano "sciarpa" ("SH" inglese come in  "FISH ") e la "J" spagnola di "José".

                                     ES. Zwanzig  (PRON. Tsvàntsish)            TRADUZ. Venti

Questa regola può essere seguita anche dai nomi comuni e dagli aggettivi che terminano per IG, ma in realtà in questi ultimi vocaboli non è obbligatorio, e la G può anche essere pronunciata con un suono GUTTURALE:

                                     ES.   Selig   (PRON. [Z]élish o [Z]élig)                    TRADUZ. Felice    

                                      ES.  König    (PRON. Koènish o Koènig)               TRADUZ. Re

3) "CH" presenta due pronunce diverse:

- se preceduto da A, O o U si pronuncia con un suono molto aspirato, simile alla "J" spagnola di "José".

ES. NACH, NACHT, HOCH, ecc.

- se preceduto da E, I o una vocale con sopra il segno UMLAUT (Ä, Ö o Ü) si pronuncia con un suono più dolce, fra la "SC" dell'italiano "sciabola" e la "J" spagnola di "José".

ES. ICH, RICHTIG, RECHT, ecc.

Le regole appena spiegate sulla pronuncia di "CH" valgono anche nel caso in cui fra il "CH" e la VOCALE che lo precede sia interposta una consonante (o più consonanti):

ES. MÄDCHEN

In questa parola Ä e CH sono separate dalla D. Tuttavia, CH è pur sempre preceduto da una vocale con la UMLAUT (i due puntini), poco importa se non immediatamente adiacente; quindi si pronuncia lo stesso con un suono più dolce, come vuole la regola.

4) "SCH" si pronuncia come "SC" dell'italiano "sciabola".

                                  ES. Schauder  (PRON. Sciàudar)             TRADUZ. Brivido

5) "TSCH" si pronuncia come la "C" dell'italiano "ciao".

                     ES.  Deutsch  (PRON. Dòich)                  TRADUZ. Tedesco

                      ES.  Entschuldigung!  (PRON. Enciùldigung)           TRADUZ. Scusi!

6) "PH" si pronuncia "F".

                                    ES. Philosophie (PRON. Filosofì )          TRADUZ. Filosofia

7) "TIO" si pronuncia "ZIO".

                                            ES. Nation (PRON. Naziòn)               TRADUZ. Nazione

8) "PF" si pronuncia "F"

                                             ES. Pfeife (PRON. Fàife)                  TRADUZ. Pipa

Pronuncia delle vocali

In tedesco, tutte le vocali si pronunciano esattamente come in italiano.

Proprio come in italiano, poi, si pronunciano SEMPRE, compresa la "E" finale di parola nei nomi comuni e nei nomi propri (in tedesco non si butta via niente!). 

ES. Karoline    (PRON. Karolìne)

N.B. Quando finale di parola, la E tende ad avere un suono molto chiuso.

Tuttavia, le vocali cambiano suono quando sopra vi è un segno chiamato UMLAUT, rappresentato da due puntini. Questo segno serve a far cambiare la pronuncia delle vocali nel seguente modo:

- Ä si pronuncia "E" aperta

- Ö si pronuncia con un suono fra la "O" e la "E"

- Ü si pronuncia "IU"

N.B. Al posto della vocale con sopra la UMLAUT (poiché, soprattutto quando si lavora alla tastiera del computer, non è tanto comodo inserire nel testo questo segno ortografico), è possibile scrivere:

VOCALE + E

La E dopo la vocale sostituisce la UMLAUT. Quindi:

MUELLER è uguale a MÜLLER

SCHOEN è uguale a SCHÖN

Tuttavia, sarebbe sempre meglio inserire la vocale con la Umlaut. E oggi, a differenza di quando si usavano le macchine da scrivere, col computer è possibile farlo.

Sono inoltre presenti, nella lingua tedesca, alcuni incontri di vocali (dittonghi) che hanno una pronuncia molto particolare:

1) EI ed EY si pronunciano AI

Può capitare di trovare scritto "EY" solo nei nomi propri, soprattutto cognomi, come MEYER. Nei nomi comuni si trova scritto solo "EI".

2) IE si pronuncia con un suono allungato

3) EU ed ÄU si pronunciano OI

Altre regole sulla pronuncia delle vocali in tedesco sono le seguenti:

1) E e O iniziali di parola si pronunciano solitamente (salvo eccezioni) con un suono CHIUSO, e non aperto come in italiano.

                               ES. Eben  (PRON. ében)      TRADUZ. appunto, proprio, esattamente

                                     Opa  (PRON. ópa)           TRADUZ. nonno (nel linguaggio familiare)

2) Le vocali seguite da una DOPPIA CONSONANTE sono BREVI, e quindi hanno un suono sfuggente.

                               ES. Zimmer     (PRON. Ts'mmar)       TRADUZ. camera

A questo punto occorre parlare delle vocali seguite da ß, che foneticamente rappresenta una doppia S.

Nel 1996 è stata fatta un riforma ortografica della lingua tedesca che ha deciso di sopprimere la scrittura della ß dopo una vocale semplice (cioè senza Umlaut sopra, oppure singola, vale a dire non facente parte di un incontro di vocali) che avesse un suono breve, e di sostituirla con ss. Perciò, le vocali che precedono la lettera ß sono generalmente LUNGHE, mentre quelle che precedono ss sono generalmente BREVI.

Nonostante ciò, può essere ancora presente in alcuni testi la vecchia grafia che prevedeva l'uso indiscriminato di ß anche dopo una vocale breve, e quindi il suono della vocale si presenta imprevedibile.

Informazioni su quest'ultima lettera dell'alfabeto tedesco sono presenti nella lezione 1B: ORTOGRAFIA TEDESCA

Accento tonico

Il tedesco non ha segni grafici per indicare gli accenti, proprio come l'inglese (e l'italiano, a parte le parole tronche, cioè quelle dove l'accento tonico cade sull'ultima sillaba).

In più, non ha accenti tonici fissi, quindi l'accento di ogni singola parola va imparato a memoria.

Per semplicità, si può tuttavia tenere a mente una regoletta che è la seguente:

- le parole di DERIVAZIONE GERMANICA hanno quasi sempre l'accento tonico sulla PRIMA SILLABA (tranne alcune parole composte);

- le parole di DERIVAZIONE STRANIERA (quasi sempre latina o greca) tendono ad avere l'accento tonico sull'ULTIMA SILLABA (mentre è un caso più raro quando l'accento cade su altre sillabe). Un esempio è appunto la parola "ALPHABET" che ha l'accento tonico sulla E.

Un'altra delle parole in cui questo succede è STUDENT (studente universitario), che si pronuncia  con l'accento sull'ultima sillaba (schtudènt) essendo una parola di origine latina. 

ATTENZIONE! "Student" forma il plurale aggiungendo EN, e in quel caso l'accento tonico cade sulla penultima sillaba anziché sull'ultima, poiché conserva la posizione che aveva al singolare:

STUDENT = studentePRON. Shtudènt

STUDENTEN = studenti → PRON. Shtudènten

Questa regola è seguita da tutte le parole di origine straniera al plurale.

Per una maggiore chiarezza, in tutte le lezioni verrà sempre indicato l'accento tonico di tutte le parole.

A questo argomento sarà comunque dedicata l'ultima lezione, la numero 66: GLI ACCENTI TEDESCHI.